viaggiare-sola-donna-travel-blog

Se ti stai chiedendo se andare o no in viaggio da sola, allora significa che qualcosa é scattato nella tua testa ed é giunto il momento. Per qualcuna il momento di viaggiare da sola arriva prima della maggiore età, per qualcuna intorno ai 30 anni, per altre in un momento di maggiore maturità.

Qual é l’età giusta per viaggiare da sola? Ognuna di queste età ha i suoi pregi e i suoi difetti, o forse é meglio parlare di motivi.

Quali sono i motivi per partire da sola?

La voglia di vedere un posto nuovo, di andare a trovare degli amici lontani, di mettersi alla prova. Altre volte è un passaggio che avviene spontaneamente, in modo naturale. In ogni caso, c’è un momento preciso in cui scatta l’interruttore che fa dire: É il momento.

In seguito a che cosa si parte da sole? Può essere un evento particolare, un succedersi di eventi, il risultato di mesi e mesi in cui hai rimuginato, sognato, provato ammirazione e desiderio. E poi, hai deciso che dovevi farlo. Per te. E che dovevi farlo il prima possibile.

E se hai iniziato a pensarci e poi hai desistito, riprovaci ancora. Riprovare é segno di coraggio.

Time is our most precious non-renewable resource and the only person responsible for how it’s invested is you.

Albert-László Barabási

Perché viaggiare da sola? Facciamo il gioco contrario: prova a indagare le ragioni per cui non puoi: sono veri e propri impedimenti fisici?

Se la risposta é sì, allora inizia a programmare il tuo viaggio dei sogni anche se non partirai da qui a poco: sarà già pronto per quando questi impedimenti si saranno dissolti.
Se la risposta é no, e si riconduce per lo più a una serie di incertezze e paure, sappi che avrai così tante cose da fare, esperienze da provare, persone a cui sorridere e che ti sorrideranno, momenti di libertà da apprezzare che raramente ti rimarrà un minuto per essere spaventata. Paura di andare a mangiare da sola, chiedere informazioni da sola, andare in bagno da sola? Quando avrai provato la prima volta, apprezzerai il fatto di poter fare tutte queste cose a modo tuo, con le tue forze e con i tuoi tempi.

viaggiare-da-sola-trekking-boots

Come combattere la paura di partire da sola?

É una battaglia che accade nella tua testa, e non sempre senza ragione. L’incertezza é figlia della prudenza, una dote talmente importante quando si viaggia da sole che non dovrai assolutamente ignorarla, mai. Ma sappi anche che, accanto alle situazioni potenzialmente pericolose create da persone altrettanto pericolose, ci sono anche tante persone buone pronte a darti una mano e a riempire il tuo viaggio di sensazioni positive.

Che cosa fare in una situazione spiacevole? Stai allerta e sii prudente, ascolta il tuo istinto, che ti metterà in allarme quando sarà il caso di fare un passo indietro. Fidati di te stessa: se mai dovesse succedere, sarai in grado di fiutare il pericolo e di evitarlo. Dopo tutto, gli episodi spiacevoli accadono ovunque, anche nella tua città, non dovrai fare altro che comportarti nello stesso modo prudente che usi ogni giorno.

Perciò, lista dei tuoi travel dreams alla mano: è il momento di farti un regalo, esaudire almeno un desiderio, te lo meriti! Siedi al posto di comando della tua vita e del tuo tempo, fissati un obiettivo e parti.

Ti serve ispirazione?

Dai un’occhiata alla lista dei miei


Una nuova mentalità nascerà presto in te senza che nemmeno te ne accorgi.
Realizzerai che in molte altre occasioni sei stata tu stessa a risolvere i piccoli e grandi problemi che hai avuto, perché ognuno è da solo di fronte alle decisioni importanti e alle difficoltà, e deve trovare un modo per prendere la sua strada e andare oltre.
E’ un processo graduale, fatto di passi lenti, tante incertezze, molti dubbi, piccole conquiste quotidiane.
Poniti degli obiettivi: provare una nuova esperienza, assaggiare un piatto tipico, chiedere informazioni a una persona del posto. Tutto questo, se fatto con prudenza e consapevolezza, renderà la tua vacanza più interessante.

viaggiare-da-sola-spiaggia-pen-hat-bretagna

Quali sono le mete migliori in cui andare da sola?

Troverai vari consigli in rete, il Nord Europa, il Sud Est asiatico, quello che è certo è che un viaggio da sola, ovunque nel mondo, ti porterà certamente in due posti ben precisi:

  • fuori dalla tua comfort zone, da ciò a cui sei abituata, dalla tua routine di ogni giorno, dai personaggi che popolano quotidianamente la tua vita. Certo, ci possono essere alcuni momenti in cui la lontananza da casa si fa sentire di più, ma le cose osservate da una certa distanza si apprezzano decisamente meglio!
  • nella parte più profonda di te stessa, un luogo spesso poco frequentato e fuori dalle mete turistiche. Sarà sufficiente il silenzio che inevitabilmente avrai attorno in alcuni momenti per utilizzare tutti e cinque i tuoi sensi e comprendere più chiaramente che cosa ci sia non solo fuori ma anche dentro di te. La creatività può venirti in aiuto: scrivi un diario dei tuoi pensieri, disegna, scatta foto, ma fallo nel modo migliore possibile.

Quali pericoli ci sono in queste due nuove destinazioni? Non sono sicura che siano pericoli, sono invece più che certa che siano le occasioni più grandi che ti siano mai capitate.
Proverai le emozioni più amplificate che tu abbia mai sentito, ti metterai alla prova fisicamente e mentalmente, ti chiederai che cosa desideri davvero.
Ma non solo. Saprai che sei capace di andare oltre le difficoltà da sola, di superare le situazioni più ostiche, di perdonarti quando sbagli, di spingerti fino ai confini del mondo verso luoghi che hai ritardato fin troppo a vedere, nell’attesa che qualcuno ti accompagnasse.

E poi, sei proprio sicura che sarai da sola? Quando viaggiamo in due o in gruppo, nemmeno ci accorgiamo di tutte le persone interessanti che abbiamo intorno e che vengono necessariamente tagliate fuori dai nostri contatti. Se sei da sola, molto spesso ti capiterà di incontrare degli sconosciuti con cui scambiare due chiacchiere o fare quattro passi. Talvolta, nascono amicizie durature in viaggio.

viaggiare-da-sola-isola-skye

Se viaggi da sola sei egoista?

Finché non fai un viaggio da solo non impari a rapportarti con gli altri.

Paolo Rumiz

No, e non lo dico come autodifesa. Dopo un viaggio da sola, dopo che sicuramente avrai conosciuto meglio te stessa, sarà normale anche apprezzare di più le persone che ti sono vicine, ma solo quelle che ne valgono la pena: ora sai che puoi scegliere di stare con le sole persone che davvero ami, di cui davvero senti il bisogno.
Non perché sono loro a influenzare necessariamente la tua vita, ma perché tu decidi di lasciartela influenzare da loro, altrimenti così non sarebbe. Non perché siano l’unico modo per andare in vacanza in un posto qualsiasi – non hai bisogno di questo, tu vai da sola nei luoghi che desideri visitare – ma perché l’effetto che hanno sulla tua vita è tutto sommato positivo. E tu stessa vorresti averlo nei loro confronti.
Viaggiare da sola ti riporta alle radici di ciò che davvero è importante e di ciò che sei, cambia il tuo modo di vedere la vita e lascia un segno indelebile non solo sul tuo passaporto ma nel profondo di te stessa.

Chi di voi é una viaggiatrice solo woman? E chi invece aspira a diventarla? Qual è stato il vostro primo viaggio da sole o quello che vorreste fare?
Parliamone nei Commenti, se vi va.

Non sai da dove cominciare?

Qui ci sono le istruzioni in 10 passi


2 commenti
  1. Alessandra
    Alessandra dice:

    Ciao, ho letto questo articolo e ancora una volta mi ritrovo a rimuginare sulle partenze in solitaria. Ne ho fatte 2 in Europa e due in Italia. Non sono una persona che si annoia da sola, anzi apprezzo di più ciò che voglio visitare e dedico a questo e a me stessa tutto il tempo necessario, senza fretta. Ma il mio sogno è andarmene da sola all’estero, cosa che ho fatto e sto facendo in lungo ed in largo da almeno 15 anni, soltanto che ho sempre viaggiato in compagnia di un’altra persona, un’ amica e in una sola occasione con un amico conosciuto in un precedente viaggio. Il mio freno più forte è come affrontare le frotte di approfittatori all’uscita dell’aeroporto, salire su taxi (saranno persone fidate?) da sola, purtroppo mi irrito facilmente davanti all’insistenza e non sai mai se rispondere in maniera decisa e un po’ scostante o essere più delicata e diplomatica ,a meno incisiva….non mi disturba mangiare da sola, me la cavo abbastanza bene con l’ Inglese e un po’ di Spagnolo, ho imparato a selezionare il necessario stretto ed indispensabile per viaggiare leggera e rapida ma………..rileggerò altre decine di volte questo tuo post, sognando ad occhi aperti……Ciao! Alessandra (49 anni)

    Rispondi
    • Getgoingirl
      Getgoingirl dice:

      Ciao Alessandra! Sono tornata 15 giorni fa dalle mie due settimane zaino in spalla da sola in Giappone, una meta che sognavo da troppo tempo, e posso dirti che sono state tra le più entusiasmanti della mia vita, ho talmente tanti articoli da scrivere a riguardo… Per quanto riguarda te, vedo che sei già a buon punto: hai già viaggiato da sola, ne hai saputo apprezzare molti vantaggi e te la cavi con le lingue. Insomma: non ti manca nulla.
      Oltre a quanto già detto nel post, non posso che consigliarti 3 cose:

      1) usa le normali regole del buon senso che useresti anche a casa per evitare approfittatori e situazioni spiacevoli. Credo tu le metta già in pratica mentre scorrazzi per l’Europa: dopo tutto ti posso dire che la situazione più pericolosa in cui mi sono trovata è stata a Londra, il cuore del nostro civilissimo vecchio continente;

      2) per quanto riguarda l’incertezza che hai sul tuo stesso comportamento e modo di reagire a eventuali provocazioni, penso che quando si viaggia da sole venga naturale farsi il prezioso regalo di crearsi meno problemi possibili, e in questo rientrano anche le inutili arrabbiature o le nostre paranoie da donne su come agire nel modo migliore. E questo approccio è quanto di più utile possa servirci poi una volta tornate a casa!

      3) Scegli inizialmente le mete che ti fanno sentire più sicura o che altre viaggiatrici consigliano come ottimali per solo women, al momento mi vengono in mente il Nord Europa o lo stesso Giappone. Anche qui bisognerebbe aprire un capitolo a parte, perché – ritornando alla questione dei taxi a cui accennavi – il mio primo taxi da sola l’ho preso a Marrakech, città normalmente non molto consigliata nel mio caso. Non posso dire di averlo fatto senza timore, ma non mi sono mai sentita insicura. E’ stato uno dei pochissimi casi in cui ho preso un taxi, dal momento che era strettamente necessario, perché generalmente, sia stando ai miei gusti personali sia per una questione di sicurezza, preferisco sempre bus e treni. Ultima cosa: proprio a Marrakech, nei souk, mi è capitato di avvertire quella sensazione di irritazione a cui accennavi di fronte a insistenza e apparenti tentativi di inganno, e non lo dico come critica perché sono consapevole che la tradizione e la realtà del mercato arabo è molto diversa da quella a cui siamo abituati e per questo può inizialmente dare fastidio. Ti posso dire che non vale la pena rodersi il fegato, piuttosto per quanto mi riguarda andare oltre senza mostrare nè maleducazione nè accondiscendenza è sempre stata la tattica più efficace. A meno di non volersi lanciare nello shopping sfrenato!

      In ogni caso, non è detto che tu debba per forza visitare un Paese fuori dall’Europa da sola ma se, come hai scritto, è il tuo sogno, allora sono sicura che il tuo momento arriverà presto. Fammi sapere quando, ci tengo!
      E ora, dopo aver scritto praticamente un secondo post sul perché viaggiare da sole (ti ringrazio cara Alessandra per avermi offerto l’occasione di farlo!), ritorno a quelli sul mio Giappone 😉

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Summary
Perché dovresti viaggiare da sola almeno una volta nella vita
Article Name
Perché dovresti viaggiare da sola almeno una volta nella vita
Metadescription
Tutti i pro e i contro di viaggiare da sola. Quando farlo, come e perché. E i due posti in cui sicuramente dovrai andare.
Author
Publisher Name
Getgoingirl
Publisher Logo

Also available in: enEnglish